Tavole rotonde per un'agricoltura sostenibile in Tunisia


Italiano

L’Organizzazione Umbria Export - Agenzia per l’internazionalizzazione di Confindustria Umbria - insieme all’Agence de promotion des Investissements Agricoles (APIA) hanno presentato il forum “Tables Rondes Tunisie”, all’interno del progetto “Agriculture Durable”, finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) ed eseguito dall’ONG Elis. 

Organizzato su tre giorni, dal 7 al 9 marzo 2018, il forum dedicato alle tavole rotonde ha avuto una durata di  3 giorni ed ha interessato i Governatorati tunisini di Zaghouane, Nabeul, Ben Arous, Manouba, Tunis, Ariana, Bizerte, Le kef, Silian, Jandouba, Beja, luoghi di esecuzione del progetto.
Alle attività hanno partecipato i rappresentanti di aziende tunisine e  italiane legate al settore agricolo e agro-industriale al fine di conoscersi e collaborare, guidati da Enzo Faloci, direttore di Umbria Export e Mr. Abdel Momen Toukebri, direttore della cooperazione internazionale di APIA. 

È un’eccellente opportunità per scambi di best practices, di idee e di business, che porterà benefici sia in Tunisia che in Italia”, ha detto Fausto Bruschi, Technical Director dell’azienda italiana Master & Co. specializzata nella costruzione di macchine automatiche. Dello stesso avviso anche Massimiliano Gaudenzi, Product Manager di Agricolus, azienda qualificata nell’agricoltura di precisione. “Questa collaborazione permetterà alle aziende tunisine di aumentare la loro competitività, migliorando la produttività, grazie alla tecnologia italiana”, ha detto l’imprenditore a margine del forum.  Dello stesso avviso anche gli altri imprenditori italiani presenti: Francesco Lanzi della La Romana Farine, Alessandro Bianchini della Basalti Orvieto, Enzo Maccarelli della ETA ed altri più di 20 imprenditori umbri rappresentati dal Dott. Fabio Primavera. 

Un interesse che è stato condiviso anche dalla controparte tunisina, presente con più di 150 imprenditori del settore agricolo. Al termine della presentazione delle aziende italiane, i rappresentanti tunisini hanno partecipato con entusiasmo alle tavole rotonde ed agli incontri B2B, dimostrando un interesse che auspicabilmente si potrà trasformare in una collaborazione fruttuosa.

 

Il forum si inserisce all’interno del più ampio progetto “Agriculture durable – supporto al settore agro industriale tunisini, attraverso la creazione e il consolidamento di imprese agricole, la promozione di tecniche irrigue sostenibili e la meccanizzazione agricola sull’esempio delle best practices italiane delle reti d’impresa”. L’iniziativa è stata avviata lo scorso 7 aprile 2017 a seguito di una convenzione tra l’AICS e l’ONG Elis. L’impegno dell’Agenzia Italiana si è tradotto con un’erogazione di fondi pari a 1 498 500,00€ previsti fino al 2020

Consolidamento di una struttura tra imprese agricole e agro industriali e creazione di ricchezza e lavoro sono gli obiettivi prefissati da questa iniziativa. Nello specifico il progetto vuole diffondere l’esempio delle best practices italiane in 11 governatorati tunisini, per avere la massima propagazione nel Paese. Molteplici sono poi i settori coinvolti dall’intervento: latte e derivati, olio d’oliva, melograno, datteri, agrumi e cereali. Il progetto mira così ad avere un impatto profondo all’interno del settore agricolo tunisino, mettendo in previsione che 180 giovani attualmente disoccupati o sottoccupati potranno trovare un lavoro dignitoso, nell’arco della durata dell’intervento. Si prevede inoltre che 270 agricoltori tunisini verranno positivamente coinvolti nelle attività insieme a 22 tecnici dell’APIA. 

Questo progetto offre l’opportunità per tutti i soggetti coinvolti di lavorare sinergicamente sulle tematiche prioritarie legate all’agricoltura, tra cui la valorizzazione della catena produttiva, il miglioramento della qualità dei prodotti, l’aumento di scambio del know-how tra Italia e Tunisia e la creazione d’impiego negli 11 governatorati coinvolti nel progetto, portando così opportunità di sviluppo sia in Tunisia che in Italia. 

Per l’AICS questa iniziativa riveste un’importanza particolare poiché, non solo sarà complementare alle precedenti azioni intraprese e finanziate nel settore dell’agricoltura, ma rientra tra i temi toccati dal “Memorandum d’intesa per la cooperazione allo sviluppo tra il Governo italiano e il Governo tunisino per il periodo 2017-2020”, firmato il 9 febbraio 2017. 
Umbria Export è l’Agenzia di Confindustria Umbria per l’Internazionalizzazione e la cooperazione allo sviluppo. E’ attiva da oltre 40 anni ed attualmente è impegnata in progetti anche in Argentina e Paraguay. Dall’anno della fondazione ha sviluppato attività in oltre 50 paesi e sta operando in Tunisia con un nuovo modello innovativo di assistenza che ha avuto un ottimo riscontro pratico in tema di creazione di opportunità di sviluppo sia per le imprese Italiane che quelle Tunisine.
 


Related Posts